Referendum Costituzionale ex art. 138 della costituzione indetto per il 29 marzo 2020 -voto a domicilio

Pubblicata il 19/02/2020

Gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l'ausilio del trasporto pubblico per disabili organizzato dal comune e gli elettori affetti da gravi infermità, che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano, sono ammessi al voto presso l’abitazione di residenza o presso l’abitazione in cui dimorano per motivi di assistenza.
Per poter votare a domicilio l'elettore deve rivolgere istanza al Sindaco, in un periodo compreso fra il quarantesimo e il ventesimo giorno antecedente la votazione (per il referendum costituzionale del 29 marzo 2020 il termine è compreso fra il 18 febbraio e il 9 marzo 2020), depositando – tramite persona allo scopo delegata - presso l'Ufficio Protocollo:
l'istanza di voto domiciliare;
una certificazione rilasciata dal medico competente dell’Asl (ovvero il medico del Distretto Socio-Sanitario dove l’elettore è domiciliato) che attesti le gravissime infermità, rilasciato ai sensi dell'art. 1 del D.L. 1/2006;
fotocopia del documento di identità e della tessera dell'elettore, nonché copia del documento della persona delegata.In allegato il modulo per l'istanza di voto domiciliare.

Allegati

Nome Dimensione
Allegato Voto domiciliare.doc 39 KB
Allegato DICHIARAZIONE per voto a domicilio.docx 26.29 KB

Categorie Referendum

Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto